La casa del futuro sempre più connessa

iot, internet of things, network-3337536.jpg

 

#Calcio & Fibra                                               a 29,90 euro al mese                                
vai all'offerta

 logo-vodafone  Internet unlimited 
a   24,90 euro al mese per sempre
vai all'offerta

 

Varcare la soglia di casa e la luce nell’ingresso e nel soggiorno si accende automaticamente. Ma noti che rimangono mute le casse dello stereo che dovrebbero far partire la tua musica preferita in ogni stanza. Inoltre il riscaldamento intelligente ha bisogno dell’avvio tramite l’app sul cellulare in modo che la temperatura si alzi rapidamente.

E’ questo uno scenario tipico dei dispositivi domestici intelligenti che non comunicano tra loro.

Il settore dei dispositivi intelligenti per la casa e il giardino sta letteralmente esplodendo e molti dei sistemi hanno superato i loro problemi iniziali. L’unica critica da fare alla maggior parte dei produttori continua ad essere quella di  avere una visione miope nell’interfaccia utente.

 Poco è cambiato in termini di interoperabilità, vale a dire la capacità dei diversi sistemi di lavorare insieme nel modo più fluido possibile. Nella maggior parte dei casi i prodotti per la casa intelligente collegati in rete sono compatibili solo con se stessi e le interfacce con gli altri sono rare. Il sistema di illuminazione non funziona con il controllo della tapparella e il campanello non può annunciare le persone in attesa davanti all’ingresso. Inoltre  ogni provider non possiede la propria app sullo smartphone.

 Invece di rendere la vita di tutti i giorni più facile, la fa diventare più complicata.

Uno standard uniforme per la cooperazione cross-system nella domotica sarebbe l’ideale. Con il programma  buildwithmatter, aziende tecnologiche come Amazon, Google, Huawei, Signify e Somfy stanno lavorando a uno standard di comunicazione comune.

 Questo dovrebbe rendere i problemi di compatibilità un residuo del passato – almeno in teoria. 

Fino a quando il programma non sarà realizzato, dovrai continuare a pensare se i dispositivi in rete si armonizzano con la tecnologia esistente al momento dell’acquisto. 

Se si presta meticolosa attenzione alle opzioni di connessione quando si effettuano gli acquisti ci si limita notevolmente nella scelta del dispositivo. Questo vale anche se si desidera evitare la trappola di compatibilità utilizzando solo quelli di un fornitore specifico invece dei migliori prodotti per le proprie esigenze.

Se vuoi che la domotica faccia il più possibile per te,  colleghi i tuoi singoli dispositivi l’uno all’altro. Esistono varie soluzioni per costruire un ponte tra i dispositivi.

  • Unisci i dispositivi in Alexa

Il modo più semplice per lavorare insieme è tramite Amazon Alexa su un altoparlante echo con un microfono come centro di controllo. A tale scopo, nell’app Alexa possono essere selezionate diverse centinaia di abilità per il controllo vocale di dispositivi domestici . Quasi tutto il who’s who dei produttori di domotica, dagli altoparlanti agli elettrodomestici da cucina agli aspirapolvere robotici, è rappresentato.

  • Iscriviti a IFTTT

IFTTT è una piattaforma che permette, in modo molto semplice, di far interagire tra di loro centinaia di applicazioni e dispositivi eterogenei automatizzando un serie di task.

  • ioBroker è una piattaforma di integrazione per utenti esperti. Il software raggruppa i dispositivi collegati in rete, anche sotto Windows.

Il software ioBroker server sviluppato in JavaScript è open-source e costruisce un ponte tra i dispositivi per l’automazione degli edifici da diversi fornitori. Di solito si imposta l’ambiente ioBroker su un sistema che gira tutto il giorno, come il Raspberry Pi o una memoria NAS. Con i file di installazione dal lato www.iobroker.net per Windows, il software funziona anche sul PC.


Promozioni Giga su rete 5G

vodafone Red digital edition
40 Giga, Chiamate e Sms incl.
a 18,99 euro al mese
     vai all'offerta

fastweb-logo70 Giga su rete 5G 
 traffico illimitato a 7,99 euro al mese

vai all'offerta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.